lunedì 29 febbraio 2016

A come ABBRACCI

Per l'anno nuovo non si poteva iniziare se non con la lettera A.
A come Abbracci. 
A come Ammazza che potenza!
A come: lo rifAmo?



 Ero combattuta sullo scrivere o meno di questa esperienza,  non per egoismo ma perché è stato troppo bello, mi ha regalato una carica energetica potentissima che volevo tenere tutta per me e dalla quale attingere nei “momenti no”  per strapparmi un sorriso e riportare un po’ di quiete nei pensieri.



Volevo tenere tutta questa energia in me, come una fiammella accesa, ma poi ho pensato, se apro le finestre questa fiammella potrà alimentarsi e diventare un incendio; così eccomi qua a scrivere e a raccontare di quanto sono stata bene e coccolata!!
Non so perché ho deciso di esserci, so solo che volevo esserci, ero felice solo all’idea di poter partecipare…




Era strano essere li con un cartello al collo e le braccia spalancate al mondo e alle persone…
Ti senti un po’ matto, poi capisci che sei in un gruppo di matti BELLI e FELICI e ti senti parte di un gruppo di Amici.




C’è poco da spiegare sulle modalità… rimani in attesa e arriveranno tanti abbracci, sorrisi e belle parole!
E’ incredibile l’effetto che tutto questo produce; io ero felice, proprio contenta, serena, in pace e soprattutto sentivo alla bocca dello stomaco una grande energia e forza che aveva bisogno di essere condivisa, un po’come quando ti senti innamorata…
Il 3° chakra si spalanca, inizia a sbloccarsi e a respirare energia nuova.
E' meraviglioso ti senti sostenuta, forte e felice! 




Ci sono stati abbracci, sorrisi e sguardi che sono arrivati dritti dritti al cuore; spontanei, veri, sentiti e puri… che mi hanno fatto un gran bene! GRAZIE.
Non volevo più andare via da quella dimensione, sperimentati gli effetti affermo che l’abbraccio è come una droga, ti fa sentire in estasi.




ATTENZIONE!!! GLI ABBRACCI CREANO DIPENDENZA, una bella dipendenza!




Dovremmo abbracciare di più e più spesso… non dico di uscire di casa e abbracciare il primo che incontri (o perché no??!!) però dico di iniziare a farlo! Facciamolo nel nostro “piccolo”, con i nostri affetti, sono sicura che l’azione diventerà un contagio e anche questi a loro volta inizieranno a dispensare abbracci alle loro amicizie e via via creeremo un’epidemia d’abbracci.




SPEGNIAMO il telegiornale delle brutte notizie perché per stare a questo mondo, LA PAURA NON SERVE, non dobbiamo avere paura perché quello che si verificherebbe abbracciandoci e stando un po’ più vicini sarebbe GRANDIOSO.



Si potrebbe avverare tutto quello che noi speriamo, immaginiamo, chiediamo, vogliamo e che tutti noi abbiamo chiesto almeno una volta a Babbo Natale… un mondo più gioioso e complice.


Quindi perché no??!! Proviamoci, se vogliamo iniziare a vedere il cambiamento, dobbiamo essere noi il cambiamento che vogliamo.
All’inizio ti senti matto ma poi capisci che matto è chi non si abbraccia.




Che dire, io ve lo consiglio… provare per credere, abbiamo tutti degli abbracci da dover recuperare,  se non volete farlo in piazza fatelo almeno nella vostra casa; i figli, i fratelli,  i compagni, i nonni, gli zii, i cugini, i nipoti ringrazieranno …  IO MI FIDO, E TU?? ABBRACCIAMOCI.



Vi lascio il contatto Facebook per  poter trovare info, sono presenti in tutto il mondo e in tutta Italia, non abbiamo più scuse per non abbracciarci! 


Fatemi sapere, ho voglia di condividere con voi,  avviate l’esperimento più bello e piacevole della vostra vita!




Guancia a guancia, cuore a cuore vi saluto e vi stringo, perchè mi è sempre più evidente che sono solo le cose essenziali come un abbraccio che arrivano dritte dritte al cuore.




Le foto sono tratte pagina facebook dell'associazione "Abbracciare la vita", andate a curiosare, ne troverete tante altre.

LaGiuly SMILE

www.viaggioanchesola.blogspot.com

Nessun commento:

Posta un commento